Un altro giro di giostra di Tiziano Terzani

Colpisce sempre la forza degli scritti di Tiziano Terzani. Racconti di guerre, racconti di culture, racconti di vite. Sempre autentici.

Premetto che il primo libro di Terzani che ho letto è stato Un Indovino mi disse, seguito da La fine è il mio inizio e poi Buonanotte, signor Lenin. Eccomi ora a riflettere su Un altro giro di giostra.

Questo è stato definito un libro senza fini giornalistici, personalmente non condivido questa visione in quanto per Terzani fare giornalismo, così come viaggiare, è sempre stato un modo di vivere, e infatti qui me lo vedo che va lì a fotografare se stesso nel viaggio più difficile, come egli stesso scrive, che avrebbe mai intrapreso.

Terzani ha 59 anni quando gli viene diagnosticato il cancro. La prima cosa che fa è, ovviamente, quella di recarsi in uno dei più grandi ospedali al mondo specializzato nel settore, il Mskcc di New York e qui comincia prima attraverso la chemio e poi con la radioterapia la sua battaglia  per la sopravvivenza.

Durante questi bombardamenti di radiazioni effettuati da La Ragna (così ribattezza quella macchina infernale), Terzani assiste alla propria trasformazione fisica, perde i capelli ed i peli, si gonfia. Si guarda allo specchio senza riconoscersi.

Ma proprio quel corpo che “fa acqua da tutte le parti” lo porterà a riflettere sulla malattia comune a tutti gli uomini, la mortalità.

La sua lunga permanenza negli Stati Uniti, lo porta a tracciare a un ritratto inquietante dell’America che lo indurrà poi a tornare per alcuni mesi nella sua amata India, e non solo qui ,alla ricerca delle cure più varie.

Difatti, Terzani è ben consapevole che ogni cultura ha il suo modo di affrontare i problemi umani, specie quelli della malattia e del dolore.

Così tra scienza e magia, tra dottori, guaritori e ciarlatani, tra medicina occidentale ed ayurvedica, tra pillole e pozioni Tiziano Terzani cerca (e trova) la sua verità.

Dopo essersi interessato all’omeopatia, Terzani si rivolge alle culture d’Oriente sperimentando sulla propria pelle le loro soluzioni, siano esse strane diete, pozioni di erbe o canti sacri. Medicina tibetana, cinese, ayurveda, qi gong, reiki, yoga e pranoterapia sono alcune delle alternative che Terzani va a testare di persona, senza però riuscire a smettere di essere fiorentino per antonomasia, ovvero ateo e scettico.

Alla fine, il viaggio esterno alla ricerca di una cura si trasforma in un viaggio interiore, il viaggio di ritorno alle radici divine dell’uomo.

Un libro vero, profondo ed autentico.

20150123_085156[1]

Lo stile è quello diretto, ironico, tipico di Terzani. Il libro è del 2004, edito da Longanesi e da TEA si trova in vendita a partire dagli 8 euro.

Clicca qui per acquistare “Un altro giro di giostra” direttamente su Amazon

Per i curiosi ecco il link della bellissima, ultima intervista a Tiziano Terzani.

Annunci

5 Pensieri su &Idquo;Un altro giro di giostra di Tiziano Terzani

  1. Sto leggendo un altro libro di Terzani – Un Indovino mi disse – e sto imparando ad approcciarmi al suo stile.
    Lo trovo delizioso nelle descrizione del suo diaro di viaggio, estrema dolcezza nel rappresentare gli aneddoti.
    Forse un pò troppo prolisso e dispersivo in alcuni tratti, tu (Filomorgiana) che ne pensi del suo stile?

    Liked by 1 persona

    • Ciao Urano, dello stile di Terzani penso che per alcuni possa essere prolisso, io personalmente lo vedo uno stile tipico di chi ha molto da raccontare. Adoro le sue storie nelle storie. Quando lo finisci, fammi sapere cosa ne pensi.

      Mi piace

  2. E’ vero… le storie nelle storie rendono i racconti accattivanti anche se, in fin dei conti , un Indovino mi disse l’ho trovato un pò ripetitivo nel canovaccio forzato di inseguire delle premonizioni.

    Ci vuole coraggio a criticar Terzani, lo so, ma il coraggio stesso “è il superamento delle paure” (Cit. Terzani).

    Liked by 1 persona

    • Che dire, ti ammiro per il coraggio 😉 Come avevo già scritto, in effetti può come libro risultare prolisso. Quello che resta colpisce, però è quello che va oltre la ricerca degli indovini; sono le storie, le culture e le terre che attraversa Terzani.

      Mi piace

  3. Pingback: La Cina abolisce la politica del figlio unico | disequilibro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...