Teaser Tuesday on Disequilibro #2

E’ di nuovo martedì, è di nuovo Teaser Tuesday!
Vi ricordo che potete partecipare tutti seguendo le semplicissime regole in basso!
E’ bello far conoscere ai lettori nuovi libri offrendo loro un estratto, leggiamo e condividiamo!
Regole del teaser tuesdays:
  • Prendi il libro che stai leggendo in una pagina a caso; 
  • Condividi un breve spezzone di quella pagina (“Teaser”)
  • Vietato lo spoiler (rivelare finali, assassini etc..)
  • Riporta anche il titolo e l’autore così che gli altri lettori possano aggiungere il libro alla loro lista dei libri da leggere se sono rimasti colpiti dall’estratto.
Annunci

3 Pensieri su &Idquo;Teaser Tuesday on Disequilibro #2

  1. Un bel giorno, a qualche impiegato dell’ufficio anagrafe, parse che non era cosa scrivere sul registro delle nascite che qualche figlio di viddrani era nato dentro un paio di pantaloni e cangiò quel volgare “Càusu” in “Caos”.
    E da allora la contrada si chiamò: Caos.

    Da “Biografia del figlio cambiato”.
    La vita di Pirandello romanzata e raccontata da Andrea Camilleri

    Mi piace

  2. “Passiamo impercettibilmente da una scena, un’età, una vita, a un’altra. All’improvviso, andando per una strada, reale o sognata non importa, ci accorgiamo per la prima olta che gli anni sono volati via, che tutto questo è finito per sempre e continuerà a vivere solo nel ricordo; e allora la memoria, con strana e affascinante chiarezza, si chiude in se stessa e rimeditiamo così quelle scene e quegli episodi continuamente, nel sogno e nelle fantasticherie, camminando per una strada, stesi a letto con una donna, leggendo un libro, parlando con uno sconosciuto… all’improvviso, ma sempre con straordinaria insistenza e straordinaria vivezza, questi ricordi riaffiorano (intrusi), si levano come spettri e penetrano ogni fibra del nostro essere. Da quel momeno in poi per noi tutto si muove su piani intercambiabili: i pensieri, i sogni, le azioni, la vita tutta quanta. Un parallelogramma in cui precipitiamo da una piattaforma all’altra del nostro patibolo. Da quel momento in poi procediamo divisi in miriadi di frammenti [..] camminiamo su filamenti sensibili che assorbono avidamente passato e futuro, e ogni cosa è fusa in musica e dolore; avanziamo in un mondo unito, imponendo la nostra divisione. Ogni cosa, mentre avanziamo, si suddivide con noi in una miriade di frammenti iridescenti. La grande frammentazione della maturità. Il grande mutamento”.
    Da “Primavera Nera” di Henry Miller

    Mi piace

  3. “Una cosa che mi ha sempre lasciato stupefatto è che raramente la gente è cattiva con gli estranei. Bisogna veramente arrivare a conoscere e ad amare un altro, prima di riuscire a trattarlo come una pezza da piedi e a farlo stare veramente male per delle piccolezze. Sono pochi quelli capaci di urlare improperi a un estraneo su cose dell’importanza di qualche briciola sul tavolo della colazione, ma se quella persona la si ama, allora è tutto a posto.”

    “Usare il cervello per cambiare” di R. Bandler

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...