Perché sposerete la persona sbagliata – Alain de Botton

Buon sabato a tutti!!

Oggi condivido con voi un video provocatorio, ma allo stesso tempo interessante, de L’Internazionale in cui lo scrittore, filosofo, saggista, etc.etc… Alain de Botton ci spiega perché sposeremo la persona sbagliata (ammesso poi che uno si sposi). Il video fa parte della serie Parlare d’amore.

Al di là del fatto che poco mi piacciono le generalizzazioni e che non sono propriamente d’accordo con quanto detto nel video, è bello sapere che c’è ancora qualcuno che si ferma a riflettere sull’essere umano e sul suo essere umano. Guardatelo, bastano meno di 4 minuti.

Perché sposerete la persona sbagliata di Alain de Botton

Per chi non lo sapesse, ho già parlato del caro Alain nella recensione di Cos’è una ragazza di Alain de Botton.

Aspetto i vostri commenti!  🙂

Annunci

DISEventeen day – Bel Ami

Se il video vi ha incuriosito, o al contrario, se volete direttamente saperne di più senza vederlo, eccovi una recensione dettagliata:

Innanzitutto si tratta di un romanzo realistico. La scenografia è quella della Parigi negli anni ’80 del secolo XIX, il periodo della terza repubblica dopo la caduta dell’impero di Napoleone III. La Francia, in mano a una borghesia cinica e corrotta (già descritta da Balzac), sta iniziando l’avventura coloniale con la conquista dell’Africa del Nord.

George Duroy è un giovane “alto, ben costruito, biondo, di un biondo castano vagamente strinato, con dei baffi all’insù, che sembrano spumeggiargli sul labbro, due occhi azzurri, limpidi.. i capelli naturalmente ricci…. rassomiglia proprio al “cattivone” dei romanzi popolari”.

Continua a leggere

#BookTag – I colori dei libri

#BOOKTAG

Le regole sono semplici!

citare il creatore del tag Una contraddizione ambulante

chi vi ha nominati comenonsentirsisoli

nominare cinque blog.

usare l’ immagine in cima al post.

Cominciamo!

Arancione:  armonia interiore. Quale libro ti ha soddisfatta per il finale.

Che la festa cominci di Niccolò Ammaniti.

Grigio: prudente attesa. Per quale libro stai aspettando il momento giusto per leggerlo?

La Baghavad gita, in realtà dovrei finirlo, mentre sto aspettando il momento giusto per rileggerlo con tutta l’attenzione che merita anche Infinite Jest di David Foster Wallace

Verde:  Conoscenza superiore. Un libro che ti ha aperto gli occhi.

La fine è il mio inizio di Tiziano Terzani, illuminante!

Rosso. Passione. L’amore più appassionato che tu abbia letto.

OMG OMG potrebbe essere Un amore di Swann di Proust, ma anche L’insostenibile leggerezza dell’essere di Kundera.

Giallo. Creatività. Il libro con una storia intricata di cui hai pensato “l’autore/autrice” è geniale.

Il seggio vacante di quella geniaccia della Rowling La mia recensione de Il seggio vacante

Nero. Negazione. Un libro che hai odiato fin proprio alla fine.

Oddio, quasi tutti quelli di Pennac, si può dire? non so per quale motivo non lo reggo..

Indaco. Risveglio interiore. Un libro che ha messo in crisi le tue certezze

La Baghavat Gita ma anche You are not so smart di David McRaney.

Blu: Tranquillità. Un libro distensivo.

Cattedrale di Carver ma anche Oceano Mare di Baricco.

Viola. Attitudine a identificarsi col prossimo. Quale personaggio ti rispecchia di più?

Non poteva non essere che il caro Holden Caufield (il giovane Holden di Salinger) e tutte le sue pippe mentali.

Rosa. Amore per se stessi  e gli altri. Un personaggio che non volevi morisse.

Cyrano e ne Il miglio verde di Stephen King, chiaramente John Coffey

Marrone. Soddisfazione a livello fisico. Un libro erotico e piacevole.

Dunque l’erotismo può essere un concetto molto arbitrario, direi Madame Bovary di Flaubert.  Oppure La Biblioteca della piscina di Alan Hollinghurst (sfacciatamente gay).

Azzurro. Comunicazione. Un personaggio al quale veniva voglia di urlare i tuoi consigli.

Uhmm, ai vari personaggi de L’armata dei sonnambuli di Wu Ming.

Bianco: comprende tutti i colori. Ergo: il miglior libro che hai letto.

OMG, è impossibile decidere… La pelle di Curzio Malaparte, A Sangue Freddo di Truman Capote, La morte del padre di Knausgard, Cavalli selvaggi di Cormac McCarthy..

Nomino:

1) A Free Word

2) Giorgiapenzo

3) Testuali parole

4) Racconti indipendenti

5) Gruppo di lettura

Letture per il weekend? Dinner party di Pier Vittorio Tondelli

Buon sabato disequilibristi!

Stavo pensando ai libri da portarsi dietro all’aperto in questi week end soleggiati.

Oggi vi consiglio Dinner Party del caro PierVicky Tondelli. Si tratta di un’opera teatrale (non siate scettici, si legge che è un piacere!).

Torniamo indietro nel tempo, è  la sera dell’11 luglio 1982, quando l’Italia vince il Mundial di Spagna. Un gruppo di amici si riunisce per una cena, sulla terrazza di casa Oldofredi

In questa “commedia borghese”, gli echi della partita risuonano sullo sfondo mentre a tavola si consuma un gioco crudele e divertente fatto di colpi di scena, tradimenti, rivelazioni e ambiguità.

Dinner Party è edito da Bompiani e lo trovate qui Dinner Party, Tondelli su Amazon

E voi quale libro consigliate?