Leggere libri di letteratura rende più intelligenti e empatici – Grandi speranze

Buon giovedì a tutti!

Oggi condivido con voi un articolo dell’ Huffington post

L’articolo si rifà a diversi studi che sostengono che le persone che spesso leggono narrativa e letteratura sembrano essere maggiormente in grado di capire gli altri, di entrare in empatia con loro e di vedere il mondo dalla loro prospettiva.

Chiaramente c’è anche chi afferma il contrario, ma da accanita lettrice, non posso non sostenere le proprietà sociologiche del leggere, soprattutto se si tratta dei classici.

Ci pensavo appunto qualche giorno fa, mentre aspettavo che quell’ingrato di Pip abbassasse un po’ la cresta…

Sto parlando ovviamente di Pip di Grandi Speranze (già la traduzione del titolo è fuorviante… sarebbe stato meglio “Grandi aspettative”, e sarebbe stato anche più fedele all’originale “Great Expectations”).

Il nostro povero piccolo orfano Pip inaspettatamente si ritrova ad avere delle grandi aspettative, grazie ad un misterioso benefattore, e allora pensa bene di snobbare i suoi pochi affetti e di scegliersi amici più adatti al suo nuovo status comportandosi delle volte da vero stronzetto egoista.

Al di là di alcuni frammenti troppo lunghi (il romanzo è stato pubblicato a puntate) ci sono comunque molti colpi di scena che mantengono viva l’attenzione del lettore (sempre per lo stesso motivo che è uscito a puntate, come I tre moschettieri e tanti altri ai quei tempi ma anche il più recente Miglio Verde di Stephen King…) Un gran bel classico tutto da leggere!

Chi di voi ha letto Grandi speranze di Dickens? Cosa pensate di Pip? E dell’articolo dell’Huffington post?

Per acquistarlo subito, clicca qui Grandi speranze, Charles Dickens su Amazon

Annunci

3 Pensieri su &Idquo;Leggere libri di letteratura rende più intelligenti e empatici – Grandi speranze

  1. …mi ritrovo molte volte nel personaggio del libro che leggo, a condividere le sue ansie, aspettative e speranze; per quest credo si sviluppi “empatia”. Leggere ti aiuta comprendere ed immedesimarti, lasciando la mono-prospettiva del “myself” .

    Liked by 1 persona

  2. Pingback: Che libro regali a Natale? | DisequiLibro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...